Riscattare o non riscattare… questo è il dilemma?

Beh, tutti, durante tutti gli anni di servizio, ci saremmo chiesti almeno 2000 volte, qualcuno meno, qualcuno più, se conviene o meno riscattare i periodi di servizio prestati.

Proviamo a fare un po’ di chiarezza ma vi assicuro che non è facile senza l’utilizzo dei termini contabili.

Per avere una buonuscita maggiore al momento della pensione, si possono riscattare, tramite trattenuta in busta paga con rata a cadenza mensile o con unico versamento, i periodi svolti durate la nostra carriera.

Si può riscattare sino a un massimo di 5 anni per il periodo SPE a cui si possono sommare gli anni non SPE versando le previdenziali (quelle non pagate durante quel periodo).

Quindi:

  • Se Riscatti o non riscatti non cambia assolutamente la data della Pensione;
  • Se Riscatti o non riscatti cambia (bada bene… cambia) l’importo della buonuscita;
  • Si possono riscattare sino a un massimo di 5 anni (ad esempio, ogni 5 anni di supercampagna, maturo 1 anno ai fini pensionistici da poter riscattare).

Come avviene il riscatto?

  • Sito o sportello INPS/INPDAP;
  • Procurarsi il Modello del Riscatto;
  • Compilare la parte indicando il “periodo interessato al riscatto” oppure scrivere “tutti i periodi ammessi a recupero”.

Dopo qualche tempo (prima ci volevano anche 8 anni, oggi massimo 1 anno) arriva la lettera al proprio domicilio indicante l’importo da versare: si hanno 3 soluzioni:

  1. Rata mensile di TOT € da trattenere mensilmente in busta paga;
  2. Pagare tutto in un’unica soluzione;
  3. Si hanno 90 giorni per comunicare che non si è più interessati a riscattare il periodo richiesto.

Se non si risponde, in automatico parte la rateizzazione

L’importo da pagare per il Riscatto si calcola in base al grado indossato nel momento della presentazione della domanda, da qui la frase leggendaria “Riscatta da recluta, paghi di meno”.

Che succede infatti?

I 5 anni per cui hai richiesto il riscatto, saranno calcolati in base al grado che indossavi al momento della domanda, mentre la buonuscita che ti sarà corrisposta quando andrai in pensione (comprensiva appunta di quei 5 anni riscattati), sarà calcolata sul grado rivestito all’atto della pensione (ad esempio Maresciallo).
Quindi, il guadagno, a prescindere da tutto, c’è! Pago da sergente, ma avrò una buonuscita da Maresciallo – dopo un calcolo particolare tenendo conto di più parametri.

Questo è un discorso riepilogativo del Riscatto e le casistiche sono molteplici, ma la base del discorso tutto sommato è come descritta.

Il mio consiglio?

Fate la domanda, una volta che vi arriva a casa l’importo da pagare decidete il da farsi.

Riscattate piano piano i vari periodi per pagare una rata bassa.

Se riscattare o no, credo sia un discorso soggettivo. Si tratta sempre di una rata da pagare oggi per un beneficio futuro.

Tra l’altro, bisogna ricordare che i versamenti fatti all’INPS per il riscatto sono deducibili tramite il 730 ma solo se paghi in un unica rata.

Di seguito, il modulo per la richiesta di riscatto.

N.B. – Il file è un PDF editabile e contiene macro utili per la sua compilazione, pertanto va aperto esclusivamente con Adobe Acrobat Reader.

Modulo Riscatto Buonuscita

Modulo per l richiest di riscatto. Il file è un pdf editabile e va aperto esclusivamente con Acrobat reader.

Seguici su:

Condividi:

5 risposte

  1. Buonasera, da riscatti gia effettuati in passato, mi risulta che anche pagando mensilmente in busta paga si ottiene la deduzione degli oneri da riscatto, “abbattendo” direttamente l’imponibile lordo mensile su cui poi calcolare l’aliquota IRPEF. Chiedo conferma. grazie

    1. Si Esatto, se lo paghi in un’unica soluzione recuperi con il 730, mentre, mensilmente invece, la quota viene già abbattuta dalla busta paga.
      Admin AC

  2. Buongiorno, un chiarimento… Sicuramente sono poco informato, ma ai fini della buonuscita vengono conteggiati un massimo di 40 anni? Se così fosse, qualora gli anni effettivi in servizio fossero più di 35 non converrebbe più riscattare tutti i 5 anni aggiuntivi ma solo quelli utili a raggiungere i 40?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *