Cedolino – Codice 800/806 NoiPA

Ci siamo imbattuti tutti in situazioni in cui non erano ben chiari addebiti o bonifiche sul cedolino e alcuni codici che NoiPA utilizza per classificarli, non rendono il cedolino più coprensibile di quanto non lo fosse in precedenza.

I Codici 800 – 806, per esempio, vengono principalmente utilizzati da NoiPA e riportati nella busta paga principalmente, ma non solo, per addebitare o bonificare le Indennità operative che nei mesi precedenti hanno subito delle variazioni.

Come avviene il tutto?

Inizio elencando alcune casistiche che determinano la variazione delle Indennità Operative:

  • Trasferimento, ad esempio, da un Comando in sui si percepisce la l’Indennità Operativa di Supercampagna ad un Comando con l’Indennità Operativa di Campagna;
  • Convalescenza oltre il 15° giorno;
  • Licenza straordinaria (Tabella B – Licenze scaricabile in fondo all’articolo e nella sezione download);
  • Missioni e/o corsi.

Analizziamo nel dettaglio cosa succede durante un trasferimento da un’operativa più alta ad una più bassa.

Giorno 01 Settembre 2022, da un Comando, dove si percepisce l’indennità di Supercampagna (OSC), vengo trasferito in un Comando dove si percepisce l’indennità operativa di campagna (OC).

Il sistema non riesce ad aggiornare su Settembre il cambio delle operative, quindi, il mio cedolino di Settembre ed Ottobre, continuerà a riportare l’OSC come indennità operativa.

A Novembre finalmente, nel cedolino compare l’OC.

A questo punto il sistema dovrà addebitarmi l’indennità di Supercampagna percepita a Settembre e Ottobre e bonificarmi la Campagna per gli stessi mesi.

Il problema nasce qui.

Il sistema, qualsiasi siano le operative in esame, non permette di eseguire un calcolo di compensazione tra il dare/avere per cui effettuerà un brutale addebito delle indennità non spettanti, e contemporaneamente provvederà a bonificarmi l’indennità corretta.

Esempio

Supercampagna percepita per due mesi 1.200,00 €;

Operativa di Campagna spettante per due mesi 1.000,00 €.

Con il vecchio sistema gestionale, si riusciva a caricare direttamente la differenza tra il dare e avere (in questo caso 200,00 € di addebito), mentre ora il NoiPA, non potendo addebitare importi superiori al 5° (1/5) dello stipendio, provvederà a bonificare l’intero importo relativo all’indennità spettante (in questo caso € 1000,00) ma dovrà rateizzare il prelievo in rate che non superino il quinto del nostro stipendio.

Sul cedolino di novembre quindi, troveremo un accredito di € 1000,00 e la prima, di 4 rate in addebito, per un importo pari a € 300,00.

Riepilogando:

Il primo mese troveremo la bonifica per intero e per più mesi l’addebito dell’importo erroneamente percepito (nell’esempio appena riportato saranno 4 rate).

Questo ragionamento decade nel caso in cui l’amministrato sia percettore della base più la maggiorazione, ma per questo caso specifico, verrà pubblicato a breve un articolo dettagliato.

Admin AC

[wpdm_package id=’3805′]

Seguici su:

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *